News

“Dallo schermo al web”, per la Generazione Z. Mons. Milani: “Educare all’immagine per far comprendere il reale”

Settantacinque studenti delle classi quarte del Collegio san Carlo di Milano hanno partecipato al percorso “Dallo schermo al web”, realizzato da Fondazione Ente dello Spettacolo (FEdS) con l’obiettivo di renderli creatori e fruitori più consapevoli di contenuti video, in grado di rappresentare la propria realtà con uno stile personale, ma efficace e significativo. Soprattutto sui social media che frequentano quotidianamente.

FEdS, in collaborazione con il collegio San Carlo, consapevole della grande quantità di immagini a cui quotidianamente sono esposte le giovani generazioni, ha deciso di investire sulla loro formazione a una maggiore consapevolezza e comprensione del linguaggio audiovisivo.

L’esperienza è raccontata con interviste e immagini delle lezioni da un video disponibile a questo link, realizzato da Wrong Studio di Milano.

I ragazzi di quarta,appartenenti alla cosiddetta “generazione dei nativi digitali”, sempre più vivono le relazioni interpersonali della vita quotidiana nella doppia dimensione parallela del virtuale accanto al reale, con una crescente importanza dell’immagine (foto, video, gif, emoticon, …) a corredo e completamento della parola scritta.Di continuo producono e diffondono contenuti attraverso i social media, dove la forza, trainante o negativa, del messaggio articolato in “parola + suono + immagine” è sempre più centrale.

«Ma l’audiovisivo non è solo entertainment» spiega mons. Davide Milani, Presidente di FEdS. «Ha a che fare con l’accesso di ognuno al senso del mondo e della propria esperienza. Investire nell’educazione alle immagini delle giovani generazioni è la strada da percorrere per dar loro un effettivo e pieno accesso al senso della propria esistenza e del reale».

Davide Milani presidente della Fondazione Ente dello Spettacolo

 

Nel corso dei 4 incontri previsti (per un totale di 11 ore scolastiche), i ragazzi hanno dapprima incontrato il tema del riconoscimento dell’Altro – alla base di ogni relazione e ogni rappresentazione della realtà – per poi affrontare, guidati dal regista Agostino Ferrente (la cui ultima opera, Selfie, un film sull’auto-rappresentazione, è stato nominato all’European Film Awards, come “Miglior Documentario” e ora è candidato, nella medesima categoria, anche ai David di Donatello 2020), un vero e proprio viaggio esperienziale nel mondo delle immagini e dei diversi stili per rappresentare la (propria) realtà. Strumenti principali: il dialogo docente-studente, la visione di cortometraggi, il lavoro in gruppo.

Il percorso “Dallo schermo al web” si è mosso quindi verso due obiettivi: da una parte la divulgazione della cultura cinematografica come strumento di crescita cultura e sociale, dall’altra la formazione dei ragazzi per renderli creatori di contenuti video più consapevoli e rappresentare la propria realtà con uno stile personale, ma efficace e significativo.

La proposta didattica “Dallo schermo al web” nasce all’interno del progetto “Giovani Favolosi” di Fondazione Ente dello Spettacolo che, con il contributo di Fondazione Cariplo, ha l’obiettivo di diffondere la cultura cinematografica e l’educazione al linguaggio audio-visivo nelle giovani generazioni della città di Milano.