Rapporto Cinema

Rapporto 2008

Il Mercato e l'Industria del Cinema in Italia
"Il mercato e l’industria del cinema in Italia" è il primo Rapporto che propone un’analisi del mercato dal lato dell’offerta a livello aggregato, dal punto di vista di chi i film li progetta, produce, realizza e quindi diffonde. È il risultato di una ricerca che esamina ogni singolo comparto e tutti i soggetti della filiera, a livello aggregato, ricostruendo anche attraverso l’analisi dei bilanci societari le vere dimensioni economiche e operative della cinematografia del paese. Una realtà costituita da un...
Frames

Immagini dal mondo

Cinema, rappresentazione, verità
Di Silvio Grasselli
Questo libro raccoglie i materiali prodotti in occasione del XII Convegno Internazionale di Studi Tertio Millennio che nei giorni del 2 e del 3 dicembre 2008 ha animato il Cinema Sala Trevi di Roma. Il Convegno si è svolto nell'ambito della contestuale edizione del Tertio Millennio Film Fest. Fedeli alla tradizione del festival - che da anni costruisce il suo palinsesto formulando ipotesi di lettura della complessità del mondo contemporaneo - ci siamo interrogati su quale potesse essere la prospettiva...
Frames

Incontro al neorealismo

Luoghi e visioni di un cinema pensato al presente
Di Luca Venzi
Il volume raccoglie gli atti del convegno internazionale sul neorealismo tenutosi a Roma, presso l’Aula Magna del Centro Sperimentale di Cinematografia il 23 e il 24 ottobre 2007, organizzato dalla Fondazione Ente dello Spettacolo in collaborazione con lo stesso Centro Sperimentale. Contributi di: Francesco Casetti, Giovanni Chiaramonte, Roberto De Gaetano, Giorgio De Vincenti, Daniele Dottorini, Ruggero Eugeni, Uta Felten, David Forgacs, Bruno Fornara, Carmelo Marabello, Pietro Montani, Emiliano Morreale, Peppino Ortoleva, Veronica Pravadelli, Franco Purini, Laurence Schifano, Noa Steimatsky; introduzione...
Le Torri

Alfred Hitchcock

Lo sguardo del desiderio
Di Roberto Manassero
Alfred Hitchcock (1899-1980) è forse il regista più visto, conosciuto e studiato della storia del cinema. Nella sua lunghissima carriera, con più di sessanta film realizzati, ha attraversato il periodo muto e quello sonoro, la produzione inglese degli anni ’20 e ’30 e la stagione d’oro di Hollywood, tra tycoon come Selznick e i grandi divi dello schermo, mantenendo intatto il suo senso per lo spettacolo cinematografico puro, incredibilmente in equilibrio tra le logiche della produzione industriale e le esigenze...
Le Torri

Luis Buñuel

La logica irridente dell'inconscio
Di Tonino Repetto
Luis Buñuel (Calanda, 1900 - Mexico City, 1983), coetaneo del XX secolo, lo ha attraversato quasi per intero. Nella sua opera cinematografica, dal folgorante esordio di Un chien andalou (1929) a Quell’oscuro oggetto del desiderio (1977), l’ultimo e definitivo capitolo della sua vicenda creativa, si coniugano la componente onirica surrealista e il realismo visionario spagnolo di Goya. I film realisti di Buñuel (come Las Hurdes, Nazarín, Viridiana) contengono sempre immagini surreali, i film surrealisti puri (L’âge d’or, L’angelo sterminatore), forti...
Le Torri

Ingmar Bergman

Il volto e le maschere
Di Francesco Netto
Ingmar Bergman (1918-2007) è stato sceneggiatore, regista teatrale e cinematografico, scrittore. Il suo lungo itinerario audiovisivo ha attraversato il cinema classico e moderno, in un percorso originale e multiforme, instancabilmente orientato a cogliere nel dispositivo cinematografico il mezzo privilegiato per dare visibilità alle contraddizioni, alle incertezze e alle epifanie dell’immaginario soggettivo. Tra i suoi film più importanti si ricordano: Un’estate d’amore (1951), Il posto delle fragole (1957), Luci d’inverno (1963), Persona (1966), Il rito (1968), Sussurri e grida (1972), Fanny...
Frames

Identità e disgregazione

Frammenti dal cinema contemporaneo
Di AA. VV.
Il volume trae origine dal Convegno Identità e disgregazione (Roma, 11-12/12/07) ma riconfigura tutto il lavoro svolto durante l’XI ed. del Festival del cinema spirituale Tertio Millennio, nel cui ambito il convegno si è svolto. Dopo una sezione introduttiva e un gruppo di testi dedicati a Aleksandra di Sokurov, presentato in anteprima italiana proprio a Tertio Millennio, il libro rilegge la questione dell’identità e della disgregazione in due percorsi e in alcuni film di recentissima produzione: da una parte, configurandola...
Frames

Nero su bianco

Le politiche per il cinema negli 80 anni di RdC
Di Elena Mosconi
La «Rivista del Cinematografo» rappresenta, nel panorama dell’editoria cinematografica italiana, un caso unico per longevità, dal momento che attraversa ottanta anni della storia italiana. Essa intercetta, con modalità di volta in volta differenti, il multiforme interesse e impegno della Chiesa - tanto nelle espressioni del magistero, quanto in quelle delle iniziative di base - nei confronti del mezzo cinematografico. Il volume presenta una storia della rivista volta a comprendere quali idee di cinema emergano (e talora confliggano) sulle sue pagine...
Frames

La necessità di morire

Il cinema di Pier Paolo Pasolini e il sacro
Di Tomaso Subini
La produzione cinematografica di Pier Paolo Pasolini è percorribile per più vie, che a volte si presentano come impervi sentieri, altre come vere e proprie strade maestre: se non esaustiva, è certamente di grande rilievo quella segnata dall’interesse per la dimensione del sacro, lungo cui si muove il presente volume. Da posizioni spesso provocatorie, Pasolini ha affrontato quello che lui stesso definiva il "momento religioso dell’umanità" in due periodi contigui ma distinti della sua opera degli anni Sessanta: il primo...
Le Torri

Jean Renoir

L'inquietudine del reale
Di Daniele Dottorini
Jean Renoir (1894-1979) ha attraversato il cinema, la sua infanzia e la sua storia; ne ha vissuto i cambiamenti e le stagioni, sempre proiettando in ogni film se stesso, le sue ossessioni e le sue aspirazioni, i suoi desideri e il suo sguardo meravigliato sul mondo. Il cinema di Renoir è stato sempre capace di rinnovarsi e modificarsi, di lavorare sulle forme e sul linguaggio, di sperimentare costantemente, nella consapevolezza che le immagini del cinema scorrono come l’acqua di un...
Frames

La cospirazione del silenzio

Ripensare, attraverso il cinema, il Novecento
Di AA. VV.
Ripensare, attraverso il cinema, il Novecento, il suo tragitto tragico e doloroso, ma anche l’eredità pesante e ineludibile che esso consegna al secolo e al millennio che gli succedono. Guardare il secolo breve attraverso una delle sue più significative espressioni, cercando di comprendere in che modo essa ha saputo restituire il senso di un’età tanto affascinante e carica di suggestioni quanto evidentemente drammatica e brutale. Un percorso circoscritto, strutturato attorno al concetto di silenzio: dal silenzio che avvolge e rende...
Le Torri

Charlie Chaplin

Il tempo delle immagini
Di Alessandro Mazzanti
Charles S. Chaplin (Londra, 1889 - Corsier sur Vevey, Svizzera, 1977) ha attraversato mezzo secolo di cinema, realizzando, dalle prime comiche di Charlot del 1914 a La contessa di Hong Kong del 1967, circa 80 pellicole. Anni in cui il cinema ha costruito lo star system (di cui Chaplin è stato uno dei primi e indiscussi protagonisti), ha trovato il sonoro (che egli ha fatto proprio con piena consapevolezza) e la pellicola a colori (utilizzata solo nel suo ultimo film)....
Le Torri

François Truffaut

La geometria delle passioni
Di Giorgio Simonelli
Truffaut è uno dei registi più celebrati, studiati e rimpianti della storia del cinema. Questo volume ne ripercorre problematicamente la carriera, dalle battaglie, vissute con i cineasti francesi della sua generazione, per la costruzione di un nuovo modo di fare e di pensare il cinema fino all’approdo ad una vera e propria moderna classicità della sua scrittura cinematografica. Simonelli rintraccia gli snodi espressivi e stilistici e le direttrici tematiche principali lungo le quali si sviluppa l’opera del grande regista francese:...
Frames

Attraverso lo schermo

Cinema e cultura cattolica in Italia
Di a cura di Ruggero Eugeni, Dario E. Viganò
Negli ultimi anni è emersa con sempre maggiore evidenza l’impossibilità di una storia del cinema separata dall’orizzonte di una storia della cultura. I fenomeni e le istituzioni cinematografici si sono rivelati parte integrante del complesso meccanismo mediante il quale un corpo sociale rappresenta la propria identità, costruisce la propria memoria, consegna un senso alle proprie scelte. La cultura assume infatti all’interno della modernità una dimensione di massa e dunque una estrema ricchezza di dinamiche e tensioni comunicative: fenomeni cui il...
Le Torri

Sergej M. Ejzenštejn

L'immagine estatica
Di Alessia Cervini
Dopo un precoce esordio in teatro come scenografo e regista, Sergej Michajlovič Ejzenštejn (1898-1948), uno dei più grandi e autorevoli registi russi di tutti i tempi, oltre che uno dei più profondi e innovatori teorici del cinema, realizza nel 1924 il suo primo film, Sciopero. Fra i suoi capolavori, La corazzata Potëmkin (1925), Il vecchio e il nuovo (La linea generale, 1927-29), Aleksandr Nevskij (1938) e il film in due episodi Ivan il Terribile (1944-1946). Il volume ripercorre il vasto...
Le Torri

John Ford

Il gusto della narrazione
Di Fabio Carlini
John Ford nasce nel Maine nel 1894 da una famiglia di origine irlandese. Il suo primo film come regista, The Tornado, è del 1917, l’ultimo, Missione in Manciuria, del 1966. Autore di più di cento film tra muti e sonori, nella sua lunga carriera si misura con molti generi cinematografici privilegiando il western, del quale è unanimemente considerato un maestro. Da Alba di gloria a Ombre rosse, da Sfida infernale a Sentieri selvaggi, da L’uomo che uccise Liberty Valance a...
Le Torri

Luchino Visconti

Il teatro dell'immagine
Di Andrea Bellavita
Luchino Visconti nasce il 2 novembre 1906, e di questa nascita, sospesa tra la santificazione e il trionfo della morte, ricorda: «Sono venuto al mondo nel giorno dei defunti per una coincidenza che rimarrà sempre scandalosa, in ritardo di ventiquattro ore forse sulla festività dei santi. Impossibile cominciare la vita senza essere prevenuto. Non mi si accusi mai, in ogni modo, di mal volere. Quella data mi si è attaccata per la vita come un cattivo indizio». Intellettuale aristocratico nel...
Le Torri

Robert Bresson

La meccanica della grazia
Di Alessio Scarlato
Robert Bresson è l’autore di un cinema intransigente, libero nelle sue forme espressive da qualsiasi condizionamento produttivo o stilistico. La sua ricerca è dedicata a sviluppare le potenzialità inedite date dalla registrazione automatica delle immagini e dei suoni, in nome di una poetica ossessivamente intenta a indagare la verità della realtà, al di fuori di ogni artificio teatrale o letterario. Il volume ha come obiettivo fondamentale la ricostruzione del pensiero visivo (e sonoro) del grande autore francese. L’analisi delle opere...
Frames

Tentazione di credere

Il cinema di fronte all'assoluto: un percorso
Di AA. VV.
In virtù delle molteplici capacità di un linguaggio tanto immediato ed efficace quanto potenzialmente capace di modellare le più ardite architetture di pensiero, il cinema ha sempre cercato di dialogare con l’assoluto, di dare forma e immagine all’invisibile. Attorno a questo tema si è articolato il convegno internazionale Tentazione di credere, svoltosi all’Università di Roma Tre nei giorni 22 e 23 novembre del 2005, nell’ambito della IXª edizione del Festival del Cinema Spirituale Tertio Millennio. Il libro raccoglie gli atti...
Frames

Primissimo piano

Incontri con registi, attrici e attori
Di Mario Dal Bello
52 incontri ravvicinati, o meglio 52 ritratti in Primissimo Piano. Tante sono le interviste a uomini e donne del cinema, italiano e non solo, raccolte in questo volume dal critico e saggista Mario Dal Bello. Cristina Comencini, Pupi Avati, Jerzy Stuhr, Abel Ferrara, Michele Placido, Anna Bonaiuto, Lina Sastri e molti altri - registi, attrici e attori, noti e affermati o giovani di talento - ripercorrono la loro esperienza professionale, riflettono su presente e futuro della settima arte, raccontano opere,...